Prodotti testati
Spedizione rapida 24/48h
Assistenza garantita
Pagamenti sicuri
Reso gratuito
close icon
Carrello

Come utilizzare lampade senza fili per illuminare un giardino

ecosostenibilità, fotovoltaico, illuminazione, led
Illuminazione notturna con lampione ad energia solare

Un bel giardino, oltre a essere caratterizzato da piante ornamentali e da un paesaggio ben curato, può diventare ancora più affascinante se enfatizzato da lampade da esterno senza fili in grado di dar vita a giochi e contrasti visivi suggestivi.

Illuminare uno spazio verde significa quindi non solo consentire agli ospiti una maggiore visibilità dei percorsi o tenere lontano i malintenzionati, ma soprattutto affidare al giardino il compito di dare il migliore dei benvenuti.

Ecco alcuni suggerimenti su come illuminare un giardino utilizzando lampade led senza fili che, oltre all’aspetto estetico, tengano in considerazione il lato pratico e funzionale.

Lampade solari dalle forme classiche con luce regolabile

Per illuminare un giardino con lampade senza fili ricaricabili bisogna innanzitutto prendere in considerazione l’ampiezza dello spazio che si intende valorizzare e, di conseguenza, scegliere i modelli in grado di soddisfare l’esigenza di luminosità.

Per gli spazi verdi caratterizzati dall’ampiezza, il suggerimento è quello di scegliere lampade senza fili di grande dimensione e dalla forma classica o circolare. La luce che andranno a proiettare dovrà essere regolabile, in maniera tale da regalare all’ambiente una fascia luminosa da impostare a seconda della necessità del contesto.

Il colore del fascio luminoso è preferibile sceglierlo a seconda del colore della pavimentazione, quindi bianco se si tratta di percorsi realizzati con piastrelle o mattonelle scure; luci dalla tonalità calda nel caso in cui il pavimento fosse di colore tenue o caratterizzato da lastre di pietra.

Luci solari da incasso per abbellire un’area relax

Un giardino dotato di piscina e di diversi camminamenti può essere abbellito e reso più visibile attraverso l’installazione di luci solari da incasso a terra che, oltre a creare giochi di chiaro-scuri e atmosfere differenti, offrono l’opportunità di illuminare l’ambiente circostante.

Queste lampade da esterno senza fili proiettano raggi luminosi direttamente da terra verso l’alto, andando a illuminare anche arbusti presenti in giardino.

Oltre ad accrescere il fascino di aiuole fiorite e rendere l’ambiente più armonico, queste luci solari risultano pratiche e funzionali, in quanto vengono realizzate per poter essere calpestate senza paura di rovinarle o danneggiarle.

Un’ulteriore idea su come illuminare un giardino senza fili garantendogli un effetto scenico spettacolare, è quello di utilizzare faretti senza fili posizionati o incastonati in altre strutture, come sassi dalle forme particolari, statue o altri complementi d’arredo esterni. Il giardino animato, attraverso i sensori crepuscolari, prenderà vita al calar del sole e smetterà di essere illuminato quando la luce naturale dell’alba prenderà il suo posto.

A ogni giardino uno stile di lampade

Lo stile delle lampade senza fili ricaricabili deve rispettare quello del giardino in cui troveranno dimora. Le luci devono quindi essere scelte a seconda dell’estetica esterna dell’abitazione: moderna, classica o rustica, in maniera tale che si armonizzino pefettamente all’intero complesso.

Se il giardino è caratterizzato da uno stile moderno, meglio puntare su lampade solari con forme allungate, curvilinee o geometriche posizionate in maniera tale da illuminare porzioni particolari di giardino che meritano maggiore visibilità.

Per lo stile rustico, dove i camminamenti sono realizzati con pietra o cemento, è preferibile scegliere lampade da esterno senza fili che proiettino fasce luminose di tonalità calde. Un esempio su quale lampada utilizzare può essere rappresentato dal lampioncino solare effetto fiamma che, oltre a regalare una fonte luminosa affascinante e artistica, può creare punti luce differenti: passionale, romantica e calda.

Se il giardino è arredato in stile classico, l’illuminazione senza fili in grado di enfatizzare l’ambiente circostante è rappresentata di solito dai lampioni, da scegliere a seconda dell’esigenza e degli spazi che si intendono arricchire di sorgenti di luce.
In questo caso le lampade possono essere scelte con luminosità regolabile e magari con la possibilità di cambiare il colore, in maniera tale, soprattutto in estate e in primavera, di enfatizzare la splendida e intensa fioritura evidenziando il verde brillante del prato inglese.

I vantaggi delle lampade solari da giardino

Dopo aver dato alcuni suggerimenti su come illuminare un giardino utilizzando un’ illuminazione senza fili, è bene capire come funzionano le lampade solari e quali sono i vantaggi del loro uso.

Le luci solari, che siano lampioni, lampioncini, applique o faretti, sono caratterizzati da un pannello solare che, posto nella parte superiore, ha il compito di caricare la batteria interna tramite l’energia solare.

La batteria ricaricandosi con i raggi del sole garantisce una perfetta illuminazione del giardino. In caso di giornate prive di luce o caratterizzate dal maltempo, le lampade continuano a emettere luce luminose per alcuni giorni.

Le lampade senza fili ricaricabili possono essere acquistate con sensori di movimento, con sensori crepuscolari o entrambe le modalità. Le prime emettono una luce alla massima potenza quando rilevano una presenza, rimanendo comunque sempre accese in modalità segnapasso; le seconde si attivano al calar del sole e possono essere regolate a seconda dell’intensità di luce che si desidera offrire all’ambiente esterno.

Ma quali sono i vantaggi delle lampade da esterno senza fili?

– Installazione facile: a seconda del modello devono essere installate con le viti o i picchetti in dotazione;
– Assenza di cavi: grazie alla ricarica tramite energia solare, le lampade senza fili non hanno bisogno di essere collegate alla rete elettrica;
– Zero costi in bolletta: l’illuminazione senza fili garantisce al giardino un’ottima luminosità e alla bolletta di non essere sovraccaricata di costi energetici.

2 commenti

  1. Ho dei dubbi.Quante ore notturne mi garantisce ad esempio un faretto a led per illuminare una fascia di giardino? Voglio dire quando cala il buio e va in funzione la lampada con il passare di qualche ora non comincia a diventare sempre più fioca la luce?

    1. Buongiorno,
      dipende dal prodotto. Ci sono alcuni prodotti che restano fissi per tutta la notte, altri dopo le prime 5 ore di funzionamento diminuiscono di intensità luminosa, altri che hanno il sensore di movimento quindi restano accesi alla minima potenza e quando il sensore rileva una presenza vanno alla massima. Tutti i prodotti comunque durano tutta la notte ed in più hanno 3 notti di autonomia a carica completa quindi in caso di maltempo si accendono per 3 notti consecutive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − 9 =

whatsapp logo